sabato 26 maggio 2012

.On My Knees.



Credo di essere caduta.
Non proprio col culo a terra.. In ginocchio insomma.
Non riesco ad alzarmi, non ho voglia di rimettermi in piedi. Gli occhi svegli e attenti e la parlantina li tengo per mia madre, perchè non voglio che inizi con le sue domande. Faccio un sforzo enorme per sembrare piena di cose da dire e piena di voglia di continuare a camminare. Ma degli altri non m'interessa, e non mi premuro di sembrare felice della mia insipida vita. Una specie di cadavere che arranca e che fatica a salutare. Non riesco più a parlare delle cose che ho in testa. Le parole non escono. Nemmeno con la mia più cara amica, quella che sa come sto anche solo osservando come sono vestita. Lei sta bene adesso, lei è forte, lei.. Lei è splendida. E non voglio spegnerla, non se lo merita. Nemmeno a lui riesco a far vedere tutto il marcio intaccato ai polmoni e allo stomaco. Mi sembra sempre che, alla fine, non prenda sul serio i miei discorsi. Crede siano sciocchezze, piccole fisse di cui prima o poi mi sbarazzerò.
La piccola paranoica che non riesce a stare rilassata.
  
E allora non spreco più fiato per rispondergli, perché tutto sommato non ha bisogno di sentirmi sempre parlare di me.

Il problema è che non ho altro di cui parlare.





 

3 commenti:

  1. vita vuota e senza significato..speravo nessun altro si sentisse così..
    ..ma quella sopra è la mia meravogliosa Torino?:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, Torino. Anche la mia meravigliosa Torino.

      Elimina
  2. Ciao, se passi dal mio blog c'è una cosa anche per te!
    Dony
    http://il-mio-mondo-sommerso.blogspot.it/2012/05/1-sono-rimasta-delusa-e-ferita-da-due.html

    RispondiElimina